Calcedonio, la pietra della comunicazione e dell’ottimismo


Pietra già conosciuta nell'antichità, il Calcedonio veniva associato all'aria e all'acqua e si usava per i disturbi da esse generati come raffreddori ed influenze.

Il Calcedonio, che agisce sul 5° chakra, è legato a tutti gli aspetti della comunicazione, dal farsi capire al comprendere gli altri. Migliora la capacità dialettica e la proprietà di linguaggio.  Sviluppa inoltre ottimismo e fiducia in se stessi e poiché svolge un’azione anche sul 6° chakra dona consapevolezza ed apertura mentale. Aumenta la creatività e l’intuizione. Fa percepire in modo profondo i propri sentimenti e rende consci dei propri desideri e aspirazioni.

La tradizione vuole che il Calcedonio sia capace di rafforzare la memoria ed aiutare nei momenti di stress. Per questo motivo, e per la sua azione positiva sulla capacità di comunicazione, si rivela utilissimo nello studio e durante gli esami.

Sempre secondo la tradizione, a livello fisico agirebbe sull'apparato respiratorio, sarebbe benefico contro i raffreddori e i disturbi dovuti al fumo. Utile anche a chi soffre di meteoropatia. Favorirebbe il flusso della linfa e dei liquidi, drenando il loro eccesso nei tessuti. Infine, secondo gli esperti di cristalli, faciliterebbe la produzione di latte nella donna.

Il Calcedonio si indossa come ciondolo o monile di altro genere. E’ una pietra ornamentale di facile reperibilità. Durante la meditazione si pone sul 6° chakra, per beneficiare della sua azione a livello mentale e spirituale.

Si purifica con l’acqua corrente, si ricarica alla luce indiretta del sole.

(tratto da Il potere dei cristalli – di Davide Benvegnù)